Qualche giorno fa su questo blog ho letto e commentato un’osservazione che riguardava l’oscuro e labile rapporto tra il social network più frequentato, Facebook appunto, e il diritto alla privacy di ciascuno di noi. In particolare si rifletteva sulle foto pubblicate lì da noi o da terzi che, salvo diverse impostazioni che pure sono possibili, normalmente sono visibili a tutti gli amici o addirittura a chiunque, cosa che in alcuni casi può non far piacere, per buona pace della nostra riservatezza. Capita oggi “a cecio” si dice a Roma, cioè a proposito, un articolo sul Sole24ore. Continua a leggere

Annunci