Tag Archive: pensieri


Il primo giudizio

Il primo dente del giudizio è spuntato. Non bastava l’università a ricordarmi che ormai sono “adulta”.

Eppure eccolo lì, implacabile, a sentenziare sulla mia crescita.

Ribelle e indisciplinato, non è in fila dietro agli altri, ma con aria indisponente volta la triplice punta verso la guancia.

Giovedì notte con fare rabbioso ha pure creato un decupito sulla guancia, doloroso e fastidioso ma non grave (passerà in pochi giorni).

Per ora è stato limato, ma andrà estratto, e così si concluderà il primo di quattro gradi di giudizio.

Lui non è stato affatto giudizioso. Ma lo sono io?

Metti che…

Metti che è una settimana che piove.

Metti che nella medesima settimana sei uscita di casa tutti i giorni alle 8 e sei tornata alle 21.

Metti che hai la consegna di un lavoro di gruppo per la prossima settimana e che sai di essere al limite del tempo regolamentare per finirlo.

Metti che trovi un aiuto per una parte del lavoro ma sarà disponibile solo dal giorno prima della consegna.

Continua a leggere

La mucca Carolina!…ovvero come chiarirsi le idee sulle teorie politiche ragionando con le mucche.

Feudalesimo: tu hai due mucche. Il Lord prende una parte del latte.
Fascismo: tu hai due mucche. Il governo le prende entrambe. Ti assume per curarle e ti rende il latte.
Socialismo puro: tu hai due mucche. Il governo le prende e le mette in una stalla con tutte le altre mucche. Tu devi curare tutte le mucche. Il governo ti dà il latte di cui hai bisogno.
Comunismo puro: tu hai due mucche. I tuoi vicini ti aiutano a curarle e, tutti insieme, vi dividete il latte.
Comunismo russo: tu hai due mucche. Tu devi curarle, ma il governo prende tutto il latte.
Democrazia pura: tu hai due mucche. I tuoi vicini decidono chi prende il latte.
Democrazia rappresentativa: tu hai due mucche. I tuoi vicini scelgono qualcuno che ti dica chi prende il latte.

Continua a leggere

In geometria il problema della quadratura del cerchio consiste nel costruire con riga e compasso un quadrato e un cerchio equivalenti, cioè con la stessa area.

Impossibile, direte voi, perchè “radice di pi greco” non è costruibile in quanto non è un numero algebrico (caspita, come siete preparati).
E per questo la quadratura del cerchio è diventata nei secoli la metafora di una soluzione perfetta ma impossibile da realizzare.

… ma stai a vedere che la quadratura del cerchio la cerchiamo tutti noi ogni giorno?