Tag Archive: internet


Come le prostitute

1- Lavori a degli orari bizzarri. (Come le prostitute)

2- Sei pagato per rendere felice il tuo cliente. (Come le prostitute)

3- Il tuo cliente paga tanto, ma è il tuo padrone che intasca. (Come le prostitute)

4- Sei pagato all’ora, ma i tuoi lavori arrivano fino a quando il lavoro è finito. (Come le prostitute)

5- Sei ricompensato se soddisfi le fantasie del cliente. (Come le prostitute)

6- Ti è difficile avere e mantenere una famiglia. (Come le prostitute)

7- I tuoi amici si allontanano da te e resti solo con gente del tuo tipo. (Come le prostitute)

8- E’ il tuo cliente che paga l’hotel e le ore di lavoro. (Come le prostitute)

9- Il tuo padrone ha una gran bella macchina. (Come le prostitute)

10- Il cliente vuole sempre pagare di meno e tu devi fare delle meraviglie. (Come le prostitute)

11- Quando ti alzi dal letto, ti dici: “Non posso fare questo per tutta la vita!“. (Come le prostitute)

12- Comunque va, te lo prendi sempre in quel posto.

Queste sono 12 simpatiche verità in cui si riconoscono tutti coloro che fanno il mio mestiere, e qualcuno le ha anche riproposte su internet. Credetemi, non c’è modo più conciso e veritiero di raccontarvi quello che significa essere un lavoratore di concetto.

Poi, che sia revisione o consulenza la differenza non è poi così significativa. Anzi, per quello che vi posso dire io tutto si può ridurre essenzialmente in questi termini:

revisore = excel                                                                          consulente = powerpoint

Se alle regole generali che vi ho riportato sopra applicate una di queste due equazioni, avete il profilo completo di quel mestiere. Non c’è nient’altro da sapere, solo che scegliendoli avrete scelto la più esaltante delle vostre condanne a morte. Se invece deciderete di sopravvivere, in ogni caso l’esperienza vi avrà cambiato, ma probabilmente questo non sarà affatto un male.

Del resto la cosa più importante che si impara è che si sopravvive sempre.

Annunci

Cosa succede nel mondo?

Se siete curiosi e sensibili di statistiche mondiali fate un salto in questo sito e scoprite quante nascite o morti avvengono sul nostro pianeta ogni secondo, quanti computer sono venduti, quanti post sono pubblicati, quante stelle nascono nell’universo, quanti alberi vengono tagliati al secondo, e così via.

Personalmente la cosa che io ho trovato originale e apprezzabile è che selezionando una categoria di statistiche (ce ne sono cinque: prodotti, persone, ambiente, internet, universo) e cliccandoci sopra compare una animazione che ci dà visivamente il senso di questi dati. Fa molto più effetto apprenderli così che non semplicemente leggere la percentuale sui libri o sui giornali.

Se vi ho incuriosito andate su so_many_a_second e date un’occhiata, o magari create la vostra personale statistica animata…

http://pieffeeffe.files.wordpress.com/2008/04/flock-icon.png?w=230&h=229Visto che in questo periodo mi gira tecnologico (ah, cosa non si fa per non studiare!), vi parlo del mio browser.

No no, no è l’ennesimo post su Mozilla Firefox 3.0 (che non ho provato ancora, sono ferma alla versione precedente). In questo periodo di grande entusiasmo per il nuovo uscito, io vado controcorrente e vi parlo di un altro open source che non ha la stessa notorietà ma che secondo me merita altrettanto. Sto parlando di Flock.

Continua a leggere

Downlovers

Non più tardi di ieri noi mitici cinque dell’ormai storico Fashion group (un giorno forse farò un post in memoria di questa formazione per spiegarvi cosa significa) eravamo intenti a lavorare su un caso di Marketing Industriale, quando ad un certo punto il fashion boy (ciao Fà! 🙂 ) ci racconta di una dritta data da un professore sul modo per scaricare gratuitamente e soprattutto legalmente le canzoni da internet.

“Sarà la solita trovata ai limiti della legalità (se non addirittura illegale) o di discutibile qualità, tipo e-mule etc”, pensiamo. Ed invece scopriamo che è davvero la quadratura del cerchio per chi ama la musica e il free download di qualità. Continua a leggere

La mia libreria con aNobii.com

Su indicazione di Joevanni99 ho provato anch’io a creare una libreria online. Per farlo è bastato andare sul sito di aNobii, registrarmi e inserire i codici dei libri che ho letto (oppure cercarli per autore o per titolo). E’ stato facile, divertente e gratuito, ed in pochi istanti ho potuto vedere i miei libri elencati con tanto di immagine di copertina a fianco.

Ma la cosa più interessante di questo sito è forse la possibilità di esprimere giudizi sulle letture, fare una lista dei libri che si desidera leggere e soprattutto esplorare e tenere d’occhio le librerie degli altri utenti per scoprire chi ha gusti simili ai propri, e tante altre possibilità ancora che chi è appassionato di libri e di booksharing sicuramente apprezzerà.

Questa è la mia libreria.