Ho appena finito di preparare il primo piatto del pranzo di oggi: spaghetti alla chitarra con sugo di pomodoro fresco.

Stamattina mi sono alzata di buona lena e ho tritato i pomodori freschi, ricavando una polpa di pomodoro per il sugo. Dopodiché ho approntato tutto il necessario per fare la pasta, ovvero fontanella di farina e uova, seguendo la regola aurea:un uovo per ogni etto di farina.

Niente sale e niente olio, ho cominciato a sbattere con una forchetta le uova che avevo buttato dentro la fontanella (n.d.r. cinque per cinque etti), come se stessi facendo una frittata. Poi con le mani ho cominciato a prendere pian piano la farina intorno, finchè non ho avuto letteralmente “le mani in pasta”! Ho ammassato fino ad avere una pasta compatta, e poi ho lasciato il tutto a riposare per qualche tempo (dai 15 minuti in su), coperto con un panno.

A questo punto avrei dovuto munirmi di mattarello per stendere la pasta, ma dato che così il lavoro viene più rapido e meno faticoso ho usato una di quelle macchinette per fare le sfoglie (sapete quelle di acciaio, con la manovella da girare…), ottenendo lo stesso risultato.

Lasciando la sfoglia un po’ spessa (circa un mm) l’ho passata nel rullo dove viene filata fina (quello per fare anche i tagliolini per intenderci) e voilà, ecco gli spaghetti alla chitarra. Messi ad asciugare su un vassoio con un po’ di farina di polenta sopra per non farli attaccare l’uno con l’altro, ora aspettano solo di essere cotti.

Fra poco metterò su il sugo (olio, sale, cipolla, basilico e polpa di pomodori tritata in precedenza, tutto a fuoco lento) e poi, se volessi aggiungere proprio il tocco dell’artista, potrei dare da ultimo una scottata in padella alla pasta e al sugo, perché così viene ancora più gustosa 🙂

PS: al secondo ci pensa la mamma… però apprezzate il mio impegno per questo primo… sì è semplice, però è anche genuino, ed è fatto tutto da me… non è una cosa che capita spesso…

Annunci