Pubblico questa mia filastrocca ripescata tra vecchi file del pc per dedicarla a tutti quegli amici che vivendo in trasferta a Roma stanno acquisendo un po’ delle nostre inflessioni dialettali… e un pensiero particolare va a chi proprio oggi me l’ha fatta ricordare (vero Vale? 😉 )

C’era ‘na vorta un turista germano

che voleva ‘mparà a parlà romano.

Nun sapeva a chi rivorgese pe’ chiede aiuto

finchè nun incontrò un omino canuto,

che je spiegò l’arcano più antico

pe’ poté parlà e esse capito:

“Devi sapé che a Roma ce sta ‘na parola

facile facile, più che annà a scòla.

Se ‘mpara presto, e se usa specie quanno

nun c’hai che dì, e manco l’artri sanno.”

La maggica ‘spressione er vecchio je spiegò

e subbito er turista imparò a dì “ahò“.

Salutannolo, pe’ vedé si era verità

er turista se n’annò pe’ l’etterna città

e quanno vide ‘n omo esse quasi ‘nvestito

da ‘n cavallo che pareva ‘mbizzarrito

subbito se mise a gridaje “ahò!”

e quello avvertito pronto se scansò.

Così er turista se sentiva tutto contento

L’espressione je pareva ‘sto portento

e se n’annò felice ar mercato rionale

mò sì che aveva ‘mparato a parlare.

Lì ce stava ‘n banco de frutta fresca

e je venne voja d’assaggià ‘na pesca.

Quanno er venditore, vedennolo forestiero

er prezzo je cantò assai più der vero,

er turista capì l’inganno, e dicennoje “ahò?”

girò i tacchi e mai più ce ritornò.

Pure drento casa ‘mparò a usà er dialetto

co’ li amichi, parenti, madre e servetto;

si lo tormentavano da matina a sera

pe’ sordi o questioni, ‘na soluzione c’era:

“ahooo”, je disse a tutti, e tornò ‘n santa pace

a fà tranquillamente come je pare e piace.

Un giorno vide annà pe’ ‘na via ascosa

‘na bella pischella, giovane e formosa.

Nun sapenno er nome je gridò “ahò!”

e quella ‘ncuriosita a lui se vortò,

je fece ‘n saluto, e in men che nun se dica

s’aritrovò a esse la su’ donna preferita.

‘Na sera passeggiavano pe’ le vie der foro,

mano nella mano se stringnevano fra loro.

“E’ ita”, pensò er turista, “m’ha detto bene!”

Lei furba però je fece: “Io so’ per bene,

e visto che m’mai più d’ogne cosa

perchè nun famo che divento tu’ sposa?”

Che pretesa pe’ avé passato un ber minuto!

Ma che l’aveva preso pe’ ‘no sprovveduto!

“Ahò…” je fece lui, che se libberò der guaio

e er giorno appresso tornò ‘n patria cor bagajo.

La parolina l’aveva aiutato in più de ‘n’occasione

e mò pe’ sempre s’aricorderà de la lezione.

“Bisogna esse pratichi, sinnò te fanno becco”

e ‘n cuor suo ringraziò er vecchio p’er maggico detto.

Annunci